Obernai: maison à colombages nel cuore dell’Alsazia

Se avete la fortuna di visitare i mercatini di Natale di Strasburgo non vi fermate lì.

In Francia il marché è un’istituzione, figuriamoci quello di Noël! Ogni paese grande o piccolo che sia sfoggia il suo, con tutta una serie di casette (che cambiano stile a seconda dello stile delle case della città) che presentano il meglio dell’artigianato e della gastronomia locale. Troverete decorazioni natalizie in legno, in vetro, in cotone, in ceramica. Ma anche articoli in pelle o idee regalo per le feste vicine. Spesso i prezzi sono poco accessibili ma “guardare e non toccare” vale già la pena di andarci!

Per quanto riguarda la gastronomia due cose sono immancabili: il vin chaud (vino rosso, ma anche bianco, speziato e aromatizzato rigorosamente caldo) e le caldarroste (il più delle volte vendute in una locomotiva ambulante che funge da luogo cottura) servite nel classico cartoccio. Ma ovviamente siamo in Francia quindi troverete anche formaggi, vini in bottiglia e dolciumi locali.

L’atmosfera è resa particolarmente “natalizia” dagli addobbi delle case a graticcio, sembra assistere a una vera e propria gara a chi decora di più e meglio! La giostra dei cavalli e le luminarie fanno il resto. Le uniche pecche che possono venire a turbare questo spettacolo sono:

  •  il freddo, che da un certo punto di vista può anche inserirsi bene nel contesto, ma dopo aver passeggiato per un’oretta può diventare letale! Quindi copritevi bene!
  • la pioggia… I tanti turisti, voi compresi, aprirete l’ombrello e sarà tutto un susseguirsi di spinte, incastri, schizzi e compagnia cantando… Purtroppo a ciò non c’è rimedio, forse un impermeabile in borsa può rendere le cose più facili.
  • la gente… tanta, che spesso obbliga a file  e attese anche per prendere un solo bicchiere di vin chaud…

Quindi, a mio avviso, andate comunque a Strasburgo e Colmar, perché per quanto turistiche e piene di gente meritano, ma riservate un po’ di tempo ai paesini più piccoli e meno gettonati, perché lì con voi ci saranno le persone del posto, le famiglie, i ragazzini e l’atmosfera sarà diversa, molto…

Propongo indi Obernai a soli 25 km a sud-ovest di Strasburgo, un gioiellino vicino ai monti Vosgi, dove probabilmente incontrerete la neve o qualche animale selvatico vi taglierà la strada (e non dico per dirlo, mi son capitate sul serio entrambe le cose). Piccola, medievale e ovviamente straricca di case a graticcio!

Qualche cenno storico…

Si definiscono case a graticcio quegli edifici la cui struttura portante è formata da travi di legno disposte secondo diversi orientamenti. Gli interstizi generati dalla particolare intelaiatura in legno vengono riempiti da materiale che può essere argilla, pietra o laterizio. Gli archetipi di tale tipo di costruzione affondano nell’antica Çatalhöyük in Turchia e risalgono a un abitato di epoca neolitica. In tempi relativamente più vicini un esempio simile ci viene offerto dall’antica Ercolano, dove la casa, che non a caso è stata chiamata “casa a graticcio”, è costruita in una tecnica del tutto simile. I paesi europei dove oggi se ne possono ammirare più esemplari sono Germania e Francia, ma abbondano, seppure in minor numero, anche in Polonia, Belgio, Inghilterra, Svizzera. I termini adottati per definirli sono diversi: Fachwerkhaus in Germania, Maison à colombages o a Pans de bois in Francia. Le prime costruzioni nelle fattezze con cui sono generalmente note si fanno risalire al tardo medioevo fino a giungere, con periodi di maggiore o minore fortuna, agli inizi del Novecento.