Piazza Sant’Anna: tra storia e modernità

Chiunque abbia visitato Rennes almeno una volta nella vita sarà passato per piazza Sant’Anna. Insieme al Parlamento di Bretagne e a rue du Champ Jacquet rappresenta senz’altro il simbolo della città.

Chi si è trovato a passare di qui negli ultimi anni probabilmente ricorda soprattutto i lavori della metro (linea B, la A è già esistente e funzionante dal 2002) che continuano tutt’oggi e pare volgano finalmente al termine tra le varie interruzioni dovute a ritrovamenti archeologici e ai problemi di stabilità della grande chiesa di Notre-Dame-de-Bonne-Nouvelle (già Eglise Saint Aubin, per avere maggiori info sui lavori della metro: http://www.metro-rennes-metropole.fr/accueil/le_projet/le_trace_et_les_stations/sainte_anne).

Piazza Sant’Anna è caratterizzata dalla presenza di numerose case a graticcio, molte delle quali iscritte nelle liste dei monumenti storici di interesse: l’hotel di Bretagna al numero 9 e la maison del numero 10 rappresentate nel disegno sono tra quelle più fotografate (datate entrambe al 1586), probabilmente per la loro caratteristica pendenza verso rue Pont aux Foulons. Sulla casa al numero 19 una targa commemorativa, invece, riporta informazioni relative alla residenza del sindaco Leperdit (la cui statua nell’atto di strappare un foglio è ben in vista a rue du Champ Jacquet) e al suo trapasso ad altra vita tra quelle mura (per intenderci meglio è quella che oggi ospita il Ty Anna, uno dei bar più frequentati del centro).

Domina oggi Piazza Sant’Anna l’attuale e innovativo centro per congressi ospitato nella bellissima sede del convento dei Giacobini in un restauro di recente realizzazione che ha visto anche l’ergersi di una torre dal dubbio gusto estetico che stona chiaramente col contesto in cui è inserita.

Nel vecchio convento istituito nel XIVesimo secolo dai Domenicani in un periodo in cui il ricco potere ducale andava a braccetto con gli ordini mendicanti, così come ricorda una targa ad esso affissa, si svolse nel 1491 il fidanzamento tra la rinomata duchessa Anna di Bretagna e il re di Francia Carlo VIII. Allo stesso convento molti anni più tardi Anna donò la sua corona e il suo mantello ducale. La fama del convento però era dovuta soprattutto a una tavola dai poteri miracolosi raffigurante la Madonna con Bambino ed esposta nella cappella situata all’angolo del coro della chiesa. In uno scritto del 1470 il legato del Papa descrive come copiose le folle di pellegrini giunte per venerarlo.

La presenza di numerosi bar e creperie, nonché la prossimità alla famosa Rue de la Soif (al secolo rue Saint Michel), la rendono il luogo di ritrovo più frequentato da parte dei giovani. Uno stazionamento Velo Star è posizionato tra le poste e l’ingresso del metro. Quest’ultimo vede la frequentazione a qualsiasi ora del giorno di gruppi di barboni spesso ubriachi, ma il più delle volte innocui, che contribuiscono insieme ai graticci colorati e all’odore di galettes a caratterizzare la piazza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *